ago 02, 2018
Caldo: gli psicologi di Puglia, “attenzione all’isolamento degli anziani"

Caldo: gli psicologi di Puglia, “attenzione all’isolamento degli anziani” Il presidente dell’Ordine lancia l’allarme sul rischio che gli anziani in questo periodo soffrano maggiormente l’isolamento

Siamo entrati nel periodo più caldo dell’anno, in questi giorni è previsto un picco ed altri ce ne saranno nelle prossime settimane. Da più parti piovono inviti a restare in casa rivolti soprattutto agli anziani. “C’è però un altro verso della medaglia”, segnala Antonio Di Gioia, presidente dell’Ordine degli Psicologi della Puglia, “che è quello dell’isolamento di questi soggetti, costretti non solo a fronteggiare il caldo, ma anche la solitudine. E non parlo solo degli anziani soli, ma anche di quelli che hanno figli e nipoti che però, giustamente, in questo periodo dell’anno vanno in vacanza o semplicemente al mare. È fondamentale garantire supporto, anche di tipo psicologico, a questi soggetti. Il caldo non implica rischi solo sulla salute del corpo, ma anche sulla salute mentale. L'isolamento acutizza depressione, ansia, fragilità emotive”.

“Sarebbe importante che i Comuni tenessero in considerazione la prevenzione  nella predisposizione dei piani per fronteggiare quella che, in questo periodo, è una vera emergenza”, conclude Di Gioia. “È fondamentale tutelare gli anziani, da ogni punto di vista, perché rappresentano una risorsa, la nostra memoria storica, un patrimonio di esperienza di vita per le nuove generazioni. La nostra è una società che invecchia: non nascono più bambini, il tasso di natalità è in forte decremento. Anche per questo è necessario investire di più sul benessere degli anziani, anche attraverso l’apertura di centri di aggregazione in cui magari favorire l’integrazione con i giovani, autentici spazi di incontro fra fasce evolutive diverse, così anche da consentire a loro di sentirsi utili come quando erano più giovani”.

 

Condividi:

Torna indietro